press - PAOLO BORDOGNA
“L’Opera in Cd e DVD” ed. Il Saggiatore 2007
Recensione La Cenerentola CD Naxos
“Ottimo il Dandini di Paolo Bordogna: linea norbida, ben controllata ed omogenea da gravi ricchi di armonici e da acuti timbrati, lungo una fascia centrale dove la splendida, robusta brunitura timbrica ha modo di farsi valere, enfatizzando un senso della parola da rossiniano di razza (sentire come riescono cruscanti frasi quali “è una burla il principato” con quanto segue, lo spessore vocale crescendo e assottigliandosi di pari passo all’enfasi posata su questo o quel fonema)."
Elvio Giudici
 
Classic Voice, 12/2003
Bergamo, Donizetti Festival – Le convenienze ed inconvenienze teatrali
“Gran ventura dell’allestimento bergamasco è dunque l’aver potuto disporre del giovane ma già grande Paolo Bordogna. Il quale prima di tutto canta sempre (evitando cioè quegli insopportabili scadimenti nel parlato propri delle mezze tacche o delle vecchie glorie sfiatate), e soprattutto canta benissimo, con un fior di voce appoggiata e proiettata a regola d’arte; poi domina il palcoscenico come una vera e propria forza della natura avendo sempre quella “quadratura” musicale sempre ineccepibile e infine ha quei guizzi irresistibili di fantasiosa improvvisazione propria del vero artista.”
Elvio Giudici
 
La Repubblica, 05/2007
Teatro Regio, Torino – Elisir d’amore
“Paolo Bordogna, Belcore, ha voce baritonale di bel colore, con facilità nel registro acuto. Con buone doti attoriali, da autentico buffo, caratterizza con gesti meccanici e riconoscibili la “maschera” del soldato vuoto e fanfarone”
Ilaria Bellini
 
Operaclick, 05/2007
Teatro Regio, Torino – Elisir d’amore
“Ironico, giovane e istrionico è Paolo Bordogna che propone un Belcore ben curato anche nel canto e nella brillante interpretazione. Bella voce quella di Bordogna, ricca e brunita, importante nella zona acuta, i fiati sono lunghi con grande attenzione sia alla dizione che a fraseggio."
Marislisa Lazzari
 
L’Opera, 06/2007
Teatro Real di Madrid – Pietra del Paragone
“Una totale rivelazione, per le sue eccellenti doti comiche e vocali nella migliore tradizione dei “buffi” italiani, il baritono Paolo Bordogna, nel ruolo di Pacuvio.”
Rafael Banùs
 
L’Opera, 12/2007
Bergamo, Donizetti Festival – Don Gregorio
“Il Deus ex machina dello spettacolo è Paolo Bordogna, che nel panorama dei cantanti dei nostri giorni si ricava un posto particolare per il talento con cui sa far rivivere il mondo dell’opera buffa. Padrone della scena, a suo agio nel vernacolo napoletano, in possesso di voce e vocalità straordinarie, muove l’azione da cantante/attore consumato. Ma il mestiere non è mai routine è piuttosto una sorta di naturale inclinazione all’estro, che si sostanzia di soluzioni sempre intelligenti, governate da buon gusto, anche quando i travestimenti imposti dalla regia rischierebbero di diventare grevi. Si può dire a buon diritto che rivive in Bordogna la gloriosa arte dei buffi caratteristi napoletani, dei “Casaccia” per intenderci, così ammirati da Standhal.”
Giancarlo Landini
 
Magazine L’Opéra, 03/2008
Opéra de Toulone – Il Barbiere di Siviglia
“Paolo Bordogna, excellet Figaro,  bénéficie de l’estampillage “Pesaro”. Habitué dei rôles bouffes, il éblouit par une voix saine, franche et sonore. Le personnage – vitalité toute latine, faconde italienne, rondeur sympathique – retient l’attention, quitte à virer par fois au cobotinage, Mais justice est rendue au rôle-titre, qui créve l’écran et redeviant le véritable héros de l’histoire. Une belle découverte, dont on entendra probablement repalrer dans le futur.”
Catherine Sholler
 
La Repubblica, 09/2009
Teatro San Carlo, Napoli – Don Pasquale
“Ottima interpretazione di Paolo Bordogna che ha disegnato un Don Pasquale più maliconico che ridicolo, con una sonora e calda vocalità di bass-baritone, con bella coerenza espressiva, abile nel fraseggio con momenti di autentico virtuosismo nel sillabato”
Sandro Compagnone
 
Il Corriere della Sera, 05/10
Teatro Petruzzelli, Bari – La Cenerentola
“il bravissimo Don Magnifico di Paolo Bordogna, forse oggi il miglior buffo in circolazione, sempre più in forma."
Enrico Girardi
 
L’Opera, 06/2010
Teatro Regio, Torino – Il Barbiere di Siviglia
“Su tutti giganteggia l’irresistibile Don Bartolo di Paolo Bordogna; quando è in scena gli occhi sono tutti su di lui, capace com’è di captare l’attenzione con quella verve che lo rende unico e insostituibile in questo repertorio, oltre che localmente impeccabile nei sillabati dela sua aria”
Alessandro Mormile
 
Musica 06/2010
Recensione DVD – Le convenienze ed inconvenienze teatrali
“La punta di diamante della messinscena Fanese è senz’altro la Mamma Agata di Paolo Bordogna, il quale dà vita ad un vero e proprio capolavoro interpretativo.A lui va in primis il merito di aver saputo sottrarre il saporoso personaggio en travesti dalle fastidiose incrostazioni di certa tradizione: la sua prestazione brilla perché si avvale innanzitutto di musica e libretto come principali mezzi espressivi – sembra lapalissiano farlo notare, ma, data la particolarità del ruolo, non lo è affatto- e non della smodatezza di urla, lazzi e sguaiataggini che troppo spesso ci è stato dato ascoltare nella parte.La sua è un’Agata poco matronale, ma che, piuttosto si contraddistingue per fresca femminilità (il che ci pare appropriato, tenendo conto che assai probabilmente Agata è una ragazza madre), che non sbraca, urla o parla a vanvera, ma che utilizza le peculiarità e le sfumature del canto anche allorquando voglia ottenere effetti smaccatamente comici: è questo il caso di un trillo tenuto per un tempo interminabile nell’introduzione dell’irresistibile “Assisa a piè d’un sacco”.Infine non vanno dimenticate, tra le doti del baritono lombardo, una mimica mobilissima ed un insospettabile talento da ètoile nel balletto aggiunto nel second’atto, che completano il quadro di questo travolgente personaggio scolpito a tutto tondo."
Ilaria Badino
 
Classic Voice, 05/2010
Recensione DVD – Le convenienze ed inconvenienze teatrali
“Paolo Bordogna è una forza della natura, in scena: ma è anche un cantante-attore, tra i pochi che l’italica scena possa contrapporre alla moltitudine che affolla le altre. Dilagante, però mai volgare, sempre divertentissimo e soprattutto sempre attento a che la linea vocale resti solida, ben timbrata perché tutta sul fiato, morbida e quindi duttile nel piegarsi alle molteplici sollecitazioni che al fraseggio ispira una fantasia straripante.”
Elvio Giudici.
 
Musica, 09/2010
Rossini Opera Festival – La Cenerentola
“Questa edizione rimarrà nella storia per l’originalissimo Don Magnifico di Paolo Bordogna”
Stephen Astings
 
L’Opera, 09/2010
Rossini Opera Festival – La Cenerentola
“...altro tipo di comicità invece quella di Paolo Bordogna, più analitica, finalizzata a sottolineare un Don Magnifico cinico e malefico, risolto vocalmente con nitidezza e compattezza timbrica e scenicamente con grande padronanza"
Davide Annachini
 
El Pais, 08/2011
Rossini Opera Festival – La Scala di Seta
“La scala di seta… en la que ofreció una actuación antológica de cantante-actor Paolo Bordogna, con voz llena y bien proyactada.”
Juan Angel Vela del Campo
 
Seen and Heard International 08/2011
Rossini Opera Festival – La Scala di Seta
"Paolo Bordogna (Germano) with his beautiful voice is one of Italy’s finest comic singer/actors. Every Bordogna movement is a musical delight. His diction is wonderfully clean and meaningful. He knows about taking farce seriously in order to deliver it. His aria – Amore dolciamente - had the merest hint of irony – just the kind of subtlety the composer requires."
Jack Buckley

L’Opera, 09/2011
Rossini Opera Festival – La Scala di Seta
"Straordinario il Germano, in veste di collaboratore domestico filippino, di Paolo Bordogna, mattatore nato e baritono di voce timbratissima e duttile, che in questa occasione ha riconfermato di collocarsi tra i migliori buffi in circolazione"
Davide Annachini
 
Classic Voice, 09/2011
recensione dvd  La Cenerentola
 " C'è un personaggio, però che questa regia trasforma radicalmente, e parecchio in meglio: Magnifico. Un guappo da strapazzo, malvissuto e quindi intriso di quella cattiveria piccina propria dei sostanziali perdenti, servile coi grandi, meschino coi piccoli, ma anche troppo poco intelligente per capire chi è davvero grande e chi invece fa solo finta. Non è facile a farsi: ma Paolo Bordogna, oltre a sfoggiare fior di voce ampia, solida, timbratissima (sono assegnate note anche molto acute, a Magnifico: non è male, per una volta, sentirle così incisive e ben tenute anzichè alla mordi e fuggi), dispiega una tavolozza sorprendentemente ampia di accenti e sfumature, componendo una vera sinfonia della cattiveria meschina, sottolineandola con gesti misurati, secchi, che colgono sempre il segno e lo confermano attore tra i più talentuosi che la commedia musicale possa oggi sperare".
Elvio Giudici
 
China Daily, 10/2011
NCPA Beijing – La Cenerentola
“Paolo Bordogna, in the role of the valet Dandini, his singing stunts win over the most reserved audience members, almost steals the show with his comic chops.”
 
El Pais, 11/2011
Palau Reina Sofia, Valencia – La Cenerentola
“Paolo Bordogna entusiasmó al público con su Don Magnífico cantando a velocidades de vértigo.”
Rosa Solà
 
A.B.C.Es 11/2011
Palau Reina Sofia, Valencia – La Cenerentola
"Sobresaliente ha sido la actuación del bajo Paolo Bordogna, que ha encarnado a un espléndido Don Magnífico, el padrastro de Cenicienta, personaje al que ha dotado de una vis cómica inteligente y gestual, pero sin caer en la chabacanería. Para él han sido los aplausos más cálidos del público."
 
Las Provincias.es 11/2011
Palau Reina Sofia, Valencia – La Cenerentola
 "Excelente el resto del reparto, empezando por el impagable Don Magnifico de Paolo Bordogna con impecable adecuación estilística y dramática. De hecho fue el único capaz de introducir algo de sentido del humor a la velada."
César Rus
 
La Vanguardia, 12/2011
Liceu de Barcelona – Linda di Chamounix
"Muy notable Paolo Bordogna en el papel del pesadísimo marqués de Boisfleury, que ha actuado con desinhibición escénica y muy buena línea de canto"
Roger Alier
 
El Mundo 12/2011
Palau Reina Sofia, Valencia – La Cenerentola
"El gran triunfador de la noche fue Paolo Bordogna, un esplèndido Don Magnifico por sus dotes canoras (vocalizaciòn, impostaciòn, belleza de timbre) y creaciòn ingeniosa del personaje, destacando su versiòn del Aria "Sia qualunque delle figlie" (en la que se repite la misma nota màs de 150 veces)y el Duo de bofos".
Ana Galiano
 
Ritmo, 12/2011
Palau Reina Sofia, Valencia – La Cenerentola
"El baritono Paolo Bordogna dio vida a un fabuloso Don Magnifico, tan virtuoso como còmico, que arranco aplausos y bravos con sus trabalenguas y sus muecas y firmò la actuciòn mas destacada de la noche".
Ferrer Molina
 
Opera Actual. 12/2011
Liceu de Barcelona – Linda di Chamounix
“Paolo Bordogna, mostrò las cartas de un bufo de denominación de origen, con notable desparpajo esénico y mas volumen del que suele darse en este tipo de especialistas”
Marcelo Cervelló
 
GB Opera, 3/2012
Teatre de Toulon – Il Barbiere di Siviglia
"Figaro, interpretato dal baritono Paolo Bordogna, perfetto in questo ruolo. Bordogna ci ha offerto un Figaro brioso, perfettamente dominato nell’intera tessitura del ruolo."
Jocelyne de Nicola
 
Il Sole24Ore, 06/2012
Teatro Massimo di Palermo – Elisir d’amore
"Sorpresa della serata Paolo Bordogna, un Dulcamara di velluto, seduttivo e misterioso, con guizzi di cattiveria nel sillabato, ma sempre sul canto, umanissimo, mai caricaturale, di splendida tecnica, fuori dal bozzettismo consueto dei bassi buffi"
Carla Moreni
 
Magazine Opera, 02/2013
Recensione dvd Scala di Seta
“Ici, on remarque surtout le Germano tonique de Paolo Bordogna, son numéros très au point comptant pour beaucoup dans l'équilibre d'ensamble de la production.”
Pierre Cadars
 
Operaclick, 03/2013
Teatro Regio di Torino – Il Matrimonio Segreto
"Sulla scena domina Paolo Bordogna, un signor Geronimo spassoso, stralunato, gustosamente cinico, ma con un cuore grande grande che gli detta teneri accenti nel momento in cui dovrebbe mandare in convento Carolina. Alla spigliatezza di un'arte scenica che calza alla perfezione al ruolo del buffo, si aggiunge la pulizia del canto, la dizione nitida, il fraseggio puntuale e ficcante che si apprezza fin dall'Aria di sortita"
Giancarlo Landini
 
GB Opera, 03/2013
Teatro Regio di Torino – Il Matrimonio Segreto
"Paolo Bordogna, bass-baritone rossiniano, è perfettamente inserito nel ruolo di Geronimo e nel suo carattere di basso buffo; ma occorre subito notare che del buffo Bordogna non ha alcuno dei difetti più frequenti, come ricorrere a inflessioni parlate o – peggio ancora – indulgere a gags e a interpolazioni di cui ci si compiaceva in passato (ma anche in anni recenti). Quella di Bordogna è un’autentica “personalità vocale”, poiché il suo timbro e lo stile di emissione non hanno nulla di convenzionale, sono riconoscibili e al tempo stesso duttili, a seconda della parte da interpretare: del suo Geronimo si apprezzano soprattutto le messe di voce, dalla cavata robusta, e il garbo un po’ ottuso del vecchio sordo, che mai ammetterebbe di esserlo (da cui lo spasso della recitazione e della mimica)."
Michele Curnis
 
GB Opera, 05/2013
Teatro Petruzzelli, Bari – Così fan tutte
"Autorevole la prova del basso Paolo Bordogna che ha reso tutta l’ambiguità del personaggio di Alfonso, troppo spesso liquidato come cinico régisseur: nei concertati di fine atto la sua voce diveniva un secondo direttore d’orchestra; nei duetti e nei terzetti manteneva misura ed eleganza senza intralciare le altre linee di canto, segno di una raggiunta maturità vocale e attoriale."
Lorenzo Mattei
 
Sole24Ore, 05/2013
Teatro Petruzzelli, Bari – Così fan tutte
"Motore di tutto è il Don Alfonso di Paolo Bordogna, giovane baritono di morbido timbro, suadente sulla parola, fine nei dettagli, spiritoso."
Carla Moreni
 
Operaclick, 09/2013
Teatro alla Scala di Milano – La scala di seta
"Su tutte si è certamente distinta la prova dell'esperto Germano interpretato da Paolo Bordogna (già protagonista nello stesso ruolo durante la prima edizione pesarese del 2009 e nella successiva ripresa del 2011). Al suo debutto scaligero il talentuoso buffo milanese ha portato in scena l'ormai celebre domestico trascinando, in più di un'occasione, il pubblico a sonore risate. Ma Bordogna si è ben destreggiato anche dal punto di vista vocale, brillando nell'esecuzione dell'impegnativa aria di Germano costituita dal bellissimo cantabile “Amore dolcemente” e dal conclusivo e concitato “quando suona mezzanotte”. Davvero un grande artista a tutto tondo."
Danilo Boaretto
 
ClassicVoice, 10/2013
Recensione dvd Decca Matilde di Shabran
“Paolo Bordogna costruisce un gigantesto personaggio, di conserva alla sconfinata ammirazione per un talento eccezionale d’attore e per un timbro così bello, ulteriormente abbellito da una simile prova di musicalità, tecnica, ma soprattutto fantasia nel trovare accenti, colori, chiaroscuri capaci di schivare ogni più remota idea di macchietta in favore di tratti non indegni di un testo di Eduardo.”
Elvio Giudici
 
Critics’ Point, 10/2013
Rossini opera Festival – L’occasione fa il ladro
"Crucial to the action, despite his not too central vocal part, was in many original ways Martino, Don Parmenione’s servant, a kind of manipulative but ultimately benign servus ex machina, acted and sung with torrential gusto and inexhaustible adrenalin by Paolo bordogna, a really exceptional acting singer of our time in a not too heavily populated area of the repertoire.”
Kyriakos Loukakos
 
OperaClick, 12/2013
Teatro Real Madrid – Elisir d’amore
“Paolo Bordogna, reconocido como uno de los mejores barítonos buffo de su generación, está perfecto en la composición escénica y cuenta con un repertorio que le hace interpretar este rol con solvencia. Su voz está muy bien proyectada, es generosa y grata y así equipara este lucimiento con el que anteriormente tuvo en el Real, con ocasión de La pietra del paragone y L´italiana in Algeri”
Alicia Perris
 
The Australian, 01/2014
Sydney Opera House – Il Turco in Italia
“Baritone Paolo Bordogna's dark-toned singing and animated presence create a charismatic portrayal of Prince Selim.”
Murray Black
 
DailyMorning, 01/2014
Sydney Opera House – Il Turco in Italia
"Baritone Paolo Bordogna as the libidinous Turk sang with a well-defined well-finished sound, evenly focused over the full range, with a light lascivious comedic touch."
Peter McCallum
 
Limelight Magazine, 01/2014
Sydney Opera House – Il Turco in Italia
"Paolo Bordogna’s spivvy rocker of a Pasha complete with mirror shades, medallion and gold lamé hotpants. This gifted Italian singer, and something of a Rossini specialist, has a warm, agile baritone and oodles of charisma and his tone is allied with superlative diction."
Clive Paget

MundoClasico, 07/2014
Decca DVD - Matilde di Shabran
 "...Y precisamente este Isidoro es uno de los puntos fuertes de la nueva propuesta. Paolo Bordogna es un intérprete inconmensurable, que inunda la escena en cada intervención hasta convertir un secundario en un papel principal gracias a una capacidad de comunicación sin parangón. El barítono italiano es un monstruo escénico sin rival sobre las tablas, y vuelve a demostrarlo con un personaje que exprime hasta sus últimas consecuencias en un dialecto napolitano impoluto, a lo que se une el talento excepcional como cantante y como actor. El timbre aparece más atractivo gracias al control de la tesitura, de las agilidades, a la homogeneidad de una emisión nunca forzada, a una dicción de claridad meridiana, un dominio absoluto de la prosodia italiana y una capacidad asombrosa para variar acentos con colores y claroscuros a interminables. Para quitarse el sombrero."
Raul Gonzalez Arevalo

L'opera, 7/2014
Firenze Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
"Bartolo di ottimo risalto timbrico e immediata comunicativa è stato Paolo Bordogna, sicuramente il pezzo forte di questa edizione, per la capacità di disegnare (al di là di un certo istrionismo sempre in agguato)la figura del buffo prima di tutto attraverso il canto - vibrante, nitido nel suono e nella dizione, esente da sbavature -, quindi nell'espressione, sempre accattivante per naturalezza e sobrietà."
Davide Annachini

L'Opera 7/2014 
Rossini Opera Festival - Il Barbiere di Siviglia
"Paolo Bordogna è riuscito invece a trasformare il suo Bartolo in qualcosa di ben diverso da quello fiorentino di un mese prima, facendone quasi un impettito aristocratico, sobrio e un pò snob, che nelle pieghe più sottili svelava la comicità del personaggio e che sul piano vocale confermava la tenuta di sempre, vibrante e controllata nel suono quanto spiccata nella parola. Una delle sue migliori interpretazioni."
Davide Annachini

Musica 9/2014
"Vero mattatore Paolo Bordogna nei panni di Don Bartolo:voce bellissima, colorature e sillabato vorticosi, per una volta non più vecchio tutore, ma amante smanioso."
Stefano Pagliantini 

Operaclick, 9/2014 Teatro Verdi Padova, Il Barbiere di Siviglia “Il Bartolo di Paolo Bordogna è una lezione di tecnica e d’interpretazione; sempre sicuro nelle agilità, impeccabile nel sillabato, intelligente nella ricerca del giusto accento.” A. Cammarano

L’Opèra, 10/2014 Opèra Bastille, Paris , Il barbiere di Siviglia “Le Don Bartolo de Paolo Bordogna - une véritable star de la scène - avec commande vocale et le respect du style impeccable, il a joué le caractère conçu par le réalisateur » E. Marton

ForumOpèra, 12/2014 Opèra de Marseille – Elisir d’amore Pour ses débuts à Marseille Paolo Bordogna frappe fort : outre l’extension et l’autorité vocale qu’on lui connaît il éblouit le public par sa volubilité dans les passages d’agilité et sa fantaisie scénique, où grimaces et gestuelle acrobatique tirent Dulcamara vers le zanni qu’il n’a jamais cessé d’être. M. Salles
 
maggio 2015: "Paolo Bordogna, Don Magnifico, sang with notable power and flair, and you had a bottom-heavy cast.” Washington Post - "On opening night, Italian baritone Paolo Bordogna made the most of Don Magnifico's scenes. Possessing a voice of supple power, Bordogna milked every comic moment from the scene-stealing role, clearly an audience favorite." Broadway World opera.

giugno 2015: Leporello at Wiener Staatsoper "Paolo Bordogna erstmals im Haus am Ring vor und konnte mit seinem eher hellen Bariton und einer überschäumenden Spielfreude das Publikum für sich gewinnen. Da die beiden Stimmen im Timbre ähnlich klingen, ist wenigstens akustisch verständlich, dass sich Elvira bei der Verkleidung täuschen lässt, auch wenn Leporello fast einen Kopf kleiner als sein Herr ist."


agosto 2015: "Bordogna is the perfect complement, a natural comedian and showman (echoes of Rossini’s factotum), but at the same time a powder keg of a man, always on the brink of a temperamental detonation. He can do pathos as well, as evidenced in a surprisingly touching recognition scene with his long lost parents. His dark baritone is characterful with plenty of heft and his natural command of the language allows him to really let fly in the recitative. There’s a real bond between him and Fiebig giving a sense of two savvy people who could rise to the top if only social circumstance would allow it."LIMELIGHTMAGAZINE

debordante Paolo Bordogna, assolutamente padrone della scena nel ruolo di Don Magnifico che ormai sembra appartenergli in toto. Sin dalla cavatina Miei rampolli femminini si impone con la precisione del canto in puro stile rossiniano, sciorinando un sillabato immacolato e una precisione nell’onomatopeia che gli consente di cantare tutto a voce spiegata e con fiati lunghissimi. L’attore è poi straordinario, vero buffo che occupa il palcoscenico incurante della fatica che il canto, unito alla complessità di una regia come questa impone agli interpreti. OPERACLICK

settembre 2015: "Paolo Bordogna stars in a flawless Don Pasquale in Naples: This light reading was steadfastly grounded on Paolo Bordogna’s powerful characterisation of the title role, as he was able to realise what Donizetti intended: amusement at his foolishness and sympathy for his subsequent troubles. He delivered “Un foco insolito" with fine self- deception, as he walked about the stage looking forward to recapture his youth by marrying a young wife. Bordogna made a really big impression with his massive basso, comic flair and strong personality." BACHTRACK

ottobre 2015: "Paolo Bordogna è un protagonista dalle mille risorse: canto ineccepibile, sillabato vertiginoso, accento multiforme, incanalato sempre verso una dimensione umana, arguta e mai caricaturale del personaggio, carisma naturale." APE MUSICALE

novembre 2015 - Recital "Une soirèe chez Rossini" con Bruno Canino : "Bordogna ha sfoderato la calda voce baritonale, buona per qualche eroe verdiano ma anche per l'allegria di un Papageno" LA STAMPA G. Pestelli


gennaio 2016 - Sydney - It’s also fair to say that no Barber will thrive without a decent barber and OA have struck absolute gold in Paolo Bordogna, probably the best sung, certainly the best acted Figaro I can recall. The Italian buffo has all the notes – check out the focussed, ringing top in Largo al factotum – but he doesn’t just sing it, he acts with the voice right on through the text. His barber is cheeky, smart, clever, winning and very, very, funny. Your eyes are glued to him whenever he is onstage. His physicality is a dream, no moment over or under-judged, and the level of invention is sky-high. LIMELIGHT MAGAZINE


marzo 2016 - Mattatore della serata è Paolo Bordogna nei panni di Dandini. L'aria d'esordio “Come un'ape nei giorni d'Aprile” è un magnfico esempio di stile rossiniano per pulizia di emissione, tempi comici e cura delle colorature. Il pieno controllo dello strumento gli consente di muoversi con sicurezza nella partitura del compositore Pesarese ed offrire un'interpretazione da vero fuoriclasse. OPERALIBERA.NET


aprile 2016 - Paolo Bordogna – reduce da un bel Dandini in quel di Torino – ritorna qui al suo cavallo di battaglia che è Don Magnifico, già affrontato infinite volte, eppure sempre vocalmente curato, anzi arricchito di qualche inusitata appoggiatura a testimoniare l’attenzione e la musicalità di un artista capace nella tanto difficile quanto irresistibile sintesi fra solidità vocale e presenza scenica debordante. APE MUSICALE

De son côté, Paolo Bordogna – pétulant Dulcamara il y a deux saisons à l'Opéra de Marseille - se glisse dans les habits de Don Magnifico avec un vis comica et des talents d’acteur indéniables, doublé d'une maîtrise du chant sillabato tout simplement confondante. OPERA-ONLINE

agosto 2016 - Barbiere Terme di Caracalla: "Tra quest'ultimi spicca il travolgente Paolo Bordogna, che può esprimere tutto il suo istrionismo vocale e scenico, scatenandosi senza mai sbracare. E finalmente ci dà un Bartolo non rincretinito e semiparalitico!" IL GIORNALE DELLA MUSICA

ottobre 2016 - Elisir d'amore- Valencia: "Paolo Bordogna también gustó mucho como Dulcamara, siempre dispuesto a estafar con bebidas y filtros estimulantes, y una voz rotunda que llegaba al último rincón de la sala" VALENCIAPLAZA